Settima di fila per la Ego: battuta Sassari 30-32

Settima di fila per la Ego: battuta Sassari 30-32

RAIMOND SASSARI-EGO HANDBALL SIENA 30-32 (13-15)

RAIMOND SASSARI: Voliuvach 1, Spanu, Casada, Stabellini 8, Brzic 7, Del Prete 2, Taurian 1, Mbaye, Guggino, Nardin 6, Manca, Delogu, Bomboi, Braz 5, Cirilli, Vosca. All. Passino

EGO HANDBALL SIENA: Fovio, Leban, Borgianni 4, Dal Medico, Amato, Yousefinezhad 7, Radovcic 9, Bronzo 5, Florio, Vinci, Nelson 4, Kasa 3, Ricci. All. Fusina

E sono sette! La Ego Handball Siena passa al PalaSantoru di Sassari battendo la Raimond per 30-32, mantenendo l’imbattibilità in campionato ed il primato in classifica. Dopo un primo tempo nettamente equilibrato, la Ego Handball allunga in avvio di ripresa toccando le sei lunghezze di vantaggio. Sassari lotta fino alla fine e a 1’30” al termine si avvicina sul -2. Siena però tiene il vantaggio i due punti.

La Ego Handball parte con Vito Fovio tra i pali ed Edoardo Borgianni in campo, entrambi di rientro dai rispettivi infortuni, e si porta subito in vantaggio 3-0. Sassari si sblocca con Brzic e Stabellini e passa in vantaggio al 10’ (4-3). Radovcic pareggia ma Taurian replica per i suoi riportando in vantaggio Sassari. Il numero 13 della Ego pareggia dai sette metri e poi riporta in vantaggio i suoi che a metà periodo conducono 5-6. La Raimond pareggia i conti ma Nelson va a bersaglio. Al 16’ le squadre sono 7-7. Partita equilibratissima tra le due formazioni che si alternano in testa alla gara. Al 23’ le due formazioni sono ancora in parità sul 10-10. Bronzo e Radovcic allungano per la Ego al 25’, ma Stabellini trova due reti ed impatta nuovamente il punteggio. Nelson riporta in vantaggio Siena con due reti, seguito da Borgianni in chiusura del primo tempo. Nardin accorcia le distanze ele squadre vanno a riposo sul 13-15.

Braz apre le marcature della seconda frazione di gioco. Kasa dietro la schiena serve Radovcic che va a bersaglio per la Ego seguito da Yousefinezhad e Bronzo per il +4 (14-18 dopo 3’). Brzic accorcia le distanze dai sette metri, ma l’iraniano buca le rete seguito da Nelson e Radovcic (15-21 dopo 6’). La Ego tiene la Raimond a distanza che, dal suo canto, prova a ridurre il divario ma Siena è brava a mantenere le distanze (22-28 a metà gara). Sassari accorcia sul -4, ma la formazione senese è brava a ricacciarla indietro e con Bronzo segna il 24-30 quando mancano 9’ al termine della gara. La squadra di casa torna a -4 a 5’ al termine della gara (26-30). Fusina chiama time out ed al rientro in campo Radovcic centra il bersaglio. Sassari però non si dà per vinta e lotta fino alle fine a 1 minuto e mezzo dalla fine è a -2 (30-32). Siena tiene il vantaggio e alla sirena può festeggiare il suo settimo successo di fila.

“Sapevamo che sarebbe stata una partita tosta – ha commentato Alessandro Fusina a fine gara – perché Sassari è una buona squadra, molto agguerrita. In questa pausa dovevamo ritrovare ritmo gara, perché venivamo da sei partire in cui avevamo dato continuità al gioco. Oggi abbiamo iniziato benissimo con un parziale di tre a zero, poi Sassari ci ha ripreso. Nel secondo tempo c’è stato un break importante e a sei,sette minuti dalla fine abbiamo preso un vantaggio di sei goal. Lì pensavamo di aver chiuso la partita, ma invece si deve giocare fino alla fine, per sessanta minuti alla stessa intensità. Siamo contentissimi di questa settima vittoria, per cui torniamo a casa e da martedì ricominciamo a pensare alla prossima partita”.

Prossima partita sabato 9 novembre alle 18 al PalaEstra contro la Metelli Cologne.

Leave a Comment

(required)

(required)