info@ego-handball.it

La Ego Siena cade a Siracusa

TEAMNETWORK ALBATRO SIRACUSA-EGO HANDBALL SIENA 34-29 (15-11)

TEAMNETWORK ALBATRO SIRACUSA: Cuello 12, Molineri, Canete 8, Vinci 4, Grande, Mizzoni 2, Molineri 1, Lo Bello, Vanoli, Gelo, Mantisi, Castillo 1, Bobovic 5. All. Vinci

EGO HANDBALL SIENA: Leban, Pavani, Bronzo 3, Bargelli 1, Arcieri 8, Pasini, Nikocevic 3, Gaeta 4, Kasa 7, Guggino 3, Muoio, Senesi. All. Dumnic

È l’Albatro Siracusa ad avere la meglio nella sfida del PalaCorso. La Ego Siena cede ai padroni di casa per 34-29 al termine di una gara che ha provato a portare a casa per tutti e sessanta i minuti. Dopo i primi quindici minuti giocati testa a testa, Siracusa ha preso in mano le redini della partita, con la Ego che dal canto suo ha provato a ricucire lo strappo per tutta la partita fino al -2 a 5’ alla fine, priva di due giocatori, Bronzo e Guggino, fuori per espulsione.

È Canete a sbloccare il risultato, ma arriva la replica di Gaeta ed il vantaggio senese con Kasa. Bobicic pareggia i conti (2-2 al 6’). Arcieri riporta in vantaggio Siena. Siracusa ne piazza due di fila e mette la testa avanti, ma Bronzo impatta sul 4-4 a 9’. L’Albatro ne trova due di fila. Gaeta piazza un missile che spiazza Grande, ma Cuello beffa Pavani con due reti di fila e allunga sull’8-5 al 14’. Guggino accorcia le distanze, ma Siracusa trova un break ed allunga sul +5 (11-6 al 18’). Bronzo e Kasa chiudono il parziale siciliano. Canete non manca il bersaglio, ma per la Ego risponde Bargelli e con Gaeta torna a -2. L’Albatro allunga di nuovo, ma Bronzo realizza per il 13-11 al 27’. Canete e Cuello chiudono la prima frazione sul 15-11.

L’Albatro conduce di cinque lunghezze in avvio della seconda frazione.  La Ego accorcia le distanze, ma Cuello dalle retrovie porta il vantaggio dei padroni di casa sul 18-13 dopo 4’ di gioco. Arcieri realizza, ma l’Albatro allunga ancora. Ancora l’ex Cocks va a segno per la Ego ma Canete trova la conclusione. Il numero 18 senese realizza ancora, poi il sette metri di Canete vale il 22-16 al 10’. Arcieri tiene vive le speranze dei suoi, ma Siracusa non accenna a cedere il passo ed a metà tempo conduce la gara 25-19. Al 17’ la Ego deve fare a meno di Bronzo, espulso per un colpo fortuito al volto su Vanoli, ma Siena reagisce e trova un parziale di 3-0 (25-22 al 18’). Siracusa allunga ancora sul +4. Siena torna a -3 (27-24 al 20’), con i padroni di casa che poi trovano due reti consecutive per il 29-25 al 21’. Al 25’ la Ego subisce la seconda espulsione e deve rinunciare anche a Guggino. La formazione senese però non ha intenzione di mollare e si avvicina a -2 (30-28). La palla del -1 non va a bersaglio. Mizzoni e Vinci allungano per l’Albatro. La girella di Gaeta beffa Grande (32-29 al 28’), ma Siracusa centra altre due conclusioni e chiude la partita sul 34-29.

“Anche oggi abbiamo dovuto fare i conti con dei cali di concentrazione che sono stati determinanti  – ha commentato Dumnic a fine partita -. Nonostante questo e nonostante le espulsioni di Bronzo e Guggino, siamo riusciti a recuperare al -2. Dovevamo gestire meglio la palla che ci avrebbe avvicinato ad una sola rete di scarto. Da lunedì dovremo essere bravi ad analizzare gli errori che abbiamo commesso ed arrivare alla sfida di Cassano pronti a dare battaglia”.

“Non è andata come volevamo – ha commentato Umberto Bronzo al termine della gara -. Dopo la mia espulsione la squadra è stata brava a reagire e ad avvicinarsi fino a -2, fallendo la palla del -1. Così però non va bene. Non va bene per noi stessi né per la società. Ci alleniamo duramente tutta la settimana, mettendoci sempre il cento per cento, ma alla fine sono i risultati che contano. Dovremo guardarci in faccia e capire cosa ci succede perché dobbiamo riprenderci e cercare di andare avanti nel miglior modo possibile”.

Sabato prossimo, 3 aprile, la Ego è attesa al PalaTacca di Cassano Magnago per l’ottava giornata di ritorno.